Gualtiero Marchesi + Cucina

Inserito in Giu 4 2012 - 5:53pm

Il più grande cuoco dell’Italia. Ma definirlo cuoco sarebbe riduttivo. Perchè lui, nei fornelli, fa arte nel punto più alto della concezione di estetica.

Gualtiero Marchesi, cuoco e ristoratore italiano, nato a Milano, 19 marzo 1930. Considerato il fondatore della “nuova cucina italiana” e lo chef italiano più noto al mondo, ha contribuito all’evoluzione e all’espansione della cucina italiana.

Proveniente da una famiglia di ristoratori pavesi, più precisamente di San Zenone Po, grazie alla quale muove i primi passi in ambito gastronomico e nella ricerca del proprio, personale percorso culinario. Si trasferì in Svizzera, dove completò la sua conoscenza frequentando, dal 1948 al ‘50, la scuola alberghiera di Lucerna.

Una volta rientrato in Italia, rimase per alcuni anni nell’albergo familiare, per portare poi avanti il suo perfezionamento a Parigi. Nel ‘77 fondò il suo primo ristorante nel capoluogo lombardo, ottenendo nel 1978 il riconoscimento della stella dalla Guida Michelin, e nel ‘86 ricevette, primo ristorante in Italia, il riconoscimento delle tre stelle della guida francese, passando a due dal 1997 in avanti.

Fecero seguito il riconoscimento di Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana nel 1991 conferito dal presidente Francesco Cossiga. Tra i suoi allievi, che oggi riscuotono molto successo, si possono ricordare Andrea Berton, Paola Budel, Daniel Canzian, Carlo Cracco, Enrico Crippa, Pietro Leeman, Paolo Lopriore, Michel Magada, Fabrizio Molteni, Davide Oldani e molti altri. È rettore dell’ALMA, Scuola Internazionale di Cucina Italiana con sede in Colorno e nel giugno 2006, fonda la Italian Culinary Academy a New York.

Negli anni successivi arrivarono altri riconoscimenti, nel 2009 a Madrid “Grembiule d’Oro” e “Premio internazionale alla carriera”, e per finire nel 2011 a Valencia, Medaglia d’Oro del Congresso Mondiale del riso.

Foto|Google

E.Frau

fsfrau
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Pinterest

Commenta con i tuoi amici su Facebook

Leave A Response