Il morbillo e la sua preoccupante diffusione

Inserito in Mar 30 2017 - 12:45pm
Il morbillo e la sua preoccupante diffusione

Il morbillo e la sua preoccupante diffusione

Sono aumentati i casi di morbillo rispetto allo scorso anno: analizziamo il perché di questa situazione.

Il morbillo e la sua preoccupante diffusione

Il motivo di questo significativo aumento (230%), è dovuto principalmente alle persone non vaccinate: i dati vengono dall’Istituto Superiore della Sanità.

In ben il 41% dei casi, è necessario un ricovero. Tra le conseguenze più probabili della malattia vi sono la diarrea e la stomatite.

I giovani sono i più colpiti, visto che ben il 57% dei casi di morbillo ha colpito una fascia la fascia di età compresa tra i 15 e i 39 anni. Si rivela dunque, fondamentale, la vaccinazione: non sottovalutatela mai.

Molte volte, i bambini o gli adolescenti non vengono vaccinati per colpa di genitori troppo occupati col lavoro che non pensano nemmeno che il morbillo possa effettivamente essere una malattia concreta in grado di colpire qualunque fascia di età.

Secondo L’Organizzazione Mondiale della Sanità, circa in due terzi degli stati europei, il morbillo non è più una minaccia. L’Italia, però, non è tra questi.

Ricordiamoci sempre che prevenire è meglio che curare: molto meglio dedicare mezz’ora per evitare la possibilità di contagio che settimane a casa in malattia.

Immagine presa da morbillo.eu

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Pinterest
Davide collabora con Tuttouomini Lifestyle nella sezione News, Sport e Hi-tech

Commenta con i tuoi amici su Facebook